Vado a piedi

Panirlipe-camminare in the cityDa quando ho cambiato sede, per essere precisi dal 25 novembre, non ho più usato la macchina durante la settimana. Vado al lavoro a piedi, qualche volta, se ho fretta, in bicicletta.
Al mattino mi infilo le scarpe, metto la borsa a tracolla, accendo l’Ipod e parto.

Durante il cammino ho fatto il censimento degli oggetti strani: oltre alle merde di cane, più o meno elaborate, oggi ho visto per il quindicesimo giorno consecutivo il calzino con la molletta attaccata. Avvicinandomi al casello autostradale ho trovato tre preservativi usati, uno rosso e due trasparenti. La stranezza è che sono lì da un paio di mesi, indistruttibili, resistono a lungo, anche alle intemperie e agli sbalzi climatici.
MI sono reso conto più di prima di quanto è sporca la città: carte, cartacce, lattine, scontrini, bottiglie, pacchetti di sigarette vuoti, fogli, volantini…sono in ogni dove, anche tra le siepi, sui marciapiedi, nelle zone verdi e qui non c’è alcuna distinzione, gli imbrattatori sono di ogni razza ed età, li ho osservati con cura.

Il momento più bello è verso la fine, quando passo vicino ad un’azienda che è pure un mio cliente e dispone di uffici a livello del marciapiede. Io passo e osservo le impiegate (quelle che di solito guardavo proprio da dentro, durante l’avvio delle nostre collaborazioni). Cinquanta metri di vetrine e le osservo tutte.
Funziona così, quattro volte al giorno, due al mattino e due dopo pranzo. Otto chilometri in tutto.

Ho scoperto anche un’altra cosa: nell’era di google maps, della telefonia mobile, dei navigatori satellitari, c’è ancora chi si ferma, abbassa il finestrino e chiede informazioni. Sono arrivato a quota otto, una media di due al mese.

Ecco…è ora di partire per i miei due chilometri pre-pranzo.

Annunci

23 thoughts on “Vado a piedi

  1. Poter evitare l’utilizzo della macchina per lavoro è un grande privilegio. Sporcizia a parte migliora la qualità della vita anche se tra un po’ secondo me ti verrà la sindrome dell’operatore ecologico e comincerai a desiderare di ripulire il tuo tragitto quotidiano…

      • “A piedi” intendo raggiungibile a piedi, non due ore e passa di percorso di cui 10 minuti a piedi, 30 su un autobus, cinque minuti per raggiungere la metro, atri 30 minuti in metro, 10 minuti a piedi per raggiungere un altro autobus, poi 20 minuti di attesa alla fermata, poi l’altro autobus, e infine altri dieci minuti a piedi!

      • Decisamente… e quando poi la sera esco, anche se tutto sommato è presto, il pensiero di ripetere la solfa già mi sfianca, e quando arrivo a casa mi rimane spazio solo per mettermi, in qualche modo, a dormire.

  2. La pulizia delle città è un tasto dolente.
    A parte questo andare in ufficio a piedi o in bici mi sembra un bel modo di iniziare la giornata, io non guido la macchina e al massimo usavo lo scooter, le passeggiate mattutine però le ho sempre trovate piacevoli!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...