La Corsa – 16

La felicità è benefica al corpo, ma è il dolore quello che sviluppa le facoltà dello spirito.
Marcel Proust

Chi corre lo sa, ad un certo punto non si riesce a farne a meno e la corsa diventa una danza. Il caldo non fa paura, la pioggia ci fa il solletico.

panirlipe-danza2Ma chi corre sa anche che ad un certo punto arriva qualche dolorino e si è costretti a fermarsi. A me è successo dopo due anni: un dolorino sotto il ginocchio, nel ginocchio, nella tibia, nel polpaccio, nell’osso, nel nervo…insomma, qualcosa di inspiegabile.

Ho pensato che forse, il dolore è dovuto alla posizione che assumo quando dormo (quando riesco a dormire).

panirlipe-dormeSì, dormo con un piede sopra l’altro e questo per almeno sei ore preme, schiaccia, comprime.
E quindi ho provato a fasciarmi il polpaccio, a infilare un cuscino fra le due gambe. Le ho provate tutte.
Una volta, forse per avere effettuato male degli esercizi di stretching, ho patito i dolori per almeno un mese. Sentivo delle fitte lancinanti a scendere le scale o se provavo solo ad accovacciarmi.
Alla fine non ho dato retta a chi mi diceva di andare a farmi lastre, visite o altro. Ho scelto una strada diversa, la prova del nove: lo scorso anno sono salito qui, percorrendo la Scala Santa, il cui nome dice tutto. Otto ore di cammino, se qualche articolazione doveva saltare quello era il posto giusto, invece, ho rimediato solo un po’ di fatica, smaltita in un paio di giorni.
Ho quindi capito che quando mi vengono quei dolorini  si tratta solamente di infiammazione e che quando arriva bisogna fermarsi, come ho fatto lo scorso inverno.

Ho ripreso a correre in primavera, prestando attenzione a come butto giù il piede, quasi imparando da zero e temo che questo esercizio dovrei farlo anche mentre cammino: osservare con la mente il piede che cade.

Bisognerebbe ricominciare da zero un po’ tutto, anche a scrivere e parlare. Si imparano tante cose in questo modo.

panirlipe-stiramenti

Annunci

37 thoughts on “La Corsa – 16

  1. Senza dolore rischieremmo di distruggerci in ogni istante. Il dolore è doloroso 🙂 ma ci protegge, ci rende cauti.
    E non solo il dolore fisico.

    Ma a te non è mai capitato che se pensi a come ti muovi nelle azioni più meccaniche e abitudinarie, ti si imbroglia tutto, inciampi e sbagli come un novellino? Non sempre la routine e il “consolidato” guastano.

    • uh! mi ricorderò sempre di una lettura adolescenziale…parlava di una donna che non sentiva il dolore. Una pacchia! Invece era ricoperta di cicatrici. Essendo insensibile non si accorgeva delle pentole bollenti…

      La routine e il consolidato sono rassicuranti ma cambiare strada ogni tanto non fa male. Ecco, oggi a pranzo devo mangiare con la mano sinistra: è da tanto che non faccio questo esercizio

  2. Uh come hai ragione, amico mio: bisognerebbe ricominciare da zero in tante cose… E magari recuperare un po’ dello sguardo che avevano da piccoli sulle cose! Al di là di questa apparente (e sottolineo apparente) serietà: la posa del cristiano in sepoltura mi ha fatto capottare dalla sedia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...