Bisogna avere paura per vivere

Una scossa di terremoto alle 00:54 e un’altra alle 9.24 di questa mattina. E la gente torna a vivere, si riprende gli spazi all’aperto, esce dalle case, socializza. I parchi sono pieni di gente che nemmeno nelle più belle giornate di primavera o nelle serate estive riesci a vedere.
Bisogna proprio aver paura per cominciare a vivere come si deve.


Annunci

17 thoughts on “Bisogna avere paura per vivere

  1. Il 23 novembre del 1980 vivevo a Salerno ed ero solo una ragazzina che frequentava le scuole medie. Di quel terremoto ricordo i rumori e il tempo che non passava mai (una scossa interminabile) ma anche i momenti di gioco, solidarietà e condivisione che vennero dopo. Nella mia memoria ci sono soprattutto 2 immagini: un pesce rosso in un sacchetto appeso sulla finestrella della portineria e un trenino turistico che quella notte ospitò tante persone sul lungomare.

  2. E invece bisognerebbe vivere gioiosamente, anche senza paura.
    Io ho sentito due scosse stamattina, mentre ero al lavoro. Pavimento che si muove, muri che oscillano, qui è stata questione di pochi secondi ma il senso di impotenza che ho provato e la paura…il terremoto è angosciante, al di là della paura. Speriamo che sia finita qua, un abbraccio Pani.

    • a dire il vero a me ha fatto più paura quello di circa sette anni fa, credo di tipo sussultorio. In quello sentivi proprio il rumore sordo della terra, le sue viscere. Un suono inquietante.

  3. Purtroppo hai ragione. Solo in certi momenti il tuo vicino ti guarda e ti rivolge la parola mentre prima, per anni magari vi siete incontrati e nessuno dei due si è detto niente o peggio, si è chiusi di corsa il portone per salire le scale da soli, tranquilli. In questi attimi eterni invece, la voglia di una parola rassicurante la si cerca in chiunque. Chiunque potrebbe essere colui che ti dice – Quando fa così poi non ne vengono più di scosse -. Che brutto….quando sarebbe così bello e così facile guardarsi tutti con un semplice sorriso.

  4. probabilmente l’uomo non è fatto per stare in cattività, in palazzi/condomini alveare. Per questo si richiude sempre di più, per difendersi. Se vivessimo tutti in singole abitazioni forse ci si cercherebbe di più

  5. che sia una socializzazione provvisoria è vero. Finita la paura si torna nelle proprie case e dopo qualche giorno non se ne parla più. Però se ritrovi per strada quelle persone, almeno le saluti.

    Nei paesini di sicuro c’è più comunione e condivisione che nelle grandi città. Basta vedere come le piccole comunità festeggiano il santo patrono o altre iniziative. Per esempio, nelle bande musicali trovi il farmacista e il sindaco, il vigile del fuoco e l’insegnante.

    Riguardo all’apocalittica guerra…questa è una frase un po’ presuntuosa e mi spiego: alla Terra di noi non frega proprio nulla. Se i terremoti causano morti la colpa mica è del pianeta o del riscaldamento globale. La colpa, se si può definire tale, è che vogliamo costruire con materiali che se crollano ci fanno male.
    In fondo, noi non siamo gli essere più numerosi sul pianeta e non ne siamo nemmeno padroni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...