A volte ritornano

No, non si tratta dell’antologia di Stephen King, il mio primo e unico approccio con il re dell’horror, abbandonato dopo poche pagine. (Lo so, Morena non sarà d’accordo).

Si tratta di SecondoFranco, un blogger che mi aveva catturato con i suoi micro racconti: brevi, efficaci, fulminei, come la puntura di una zanzara tigre. Fotogrammi, istanti, frammenti, storie che in più di un’occasione mi avevano fatto dire: “Assomigliano ai racconti che scrivevo io da giovane” per poi, dopo qualche secondo aggiungere: “no, lui è più bravo”.

Scatti rapidi che fotografano l’imperfezione, come delle Polaroid. Ecco, se fossi in lui chiamerei il blog o la raccolta proprio così, Polaroid.

Tempo fa aveva fatto piazza pulita e se ne era andato perché così è la vita. Qualche giorno fa è tornato, perché anche questa è vita. Del resto, questo andare e venire si legge anche nei suoi racconti tanto che ora mi sto chiedendo se Secondofranco è una persona in carne e ossa o un racconto fattosi carne.

Ora è di nuovo qui ma non mi meraviglierei se fra qualche mese decidesse di sparire per un po’  e tornare quando meno te lo aspetti. Perché le Polaroid sono fatte così, si rivelano poco a poco.

Annunci

16 thoughts on “A volte ritornano

  1. Però, scusa, non ho capito bene (abbi pazienza, è l’età!) anche lui scrive racconti horror? Se è così nonostante la tua ottima presentazione sarà difficile per me…frequentarlo: l’horror proprio non mi attira….

    • eh…pure io. L’unico libro che ho letto è stato On Writing. Un altro che forse potrei leggere è Stand by me. Ho provato a leggere A volte Ritornano e l’ho abbandonato quasi subito. Forse dovrei provare dell’altro

  2. Pani, cioè io sono nel pieno di un imbarazzo indescrivibile, quasi mi vergogno un po’:) . Grazie per esserti ricordato di me, ti assicuro che mi fa un piacere immenso:) Sì, quello che è passato è stato un periodaccio, ora facendoci le corna, le cose sembrano andare meglio, almeno apparentemente:):) Mi auguro di tenere questo blog il più a lungo possibile, altrimenti se un giorno vedrai la scritta “Il blog è stato rimosso dall’autore” capirai il perché:):)
    Ciao a presto:)

  3. Miss Fletcher è troppo buona e sta cosa del geniale, proprio non mi sento che m’appartiene anzi…:) Io? rischiare di ingrassare? Tu piuttosto! che non lo so? non lo so che ogni tanto ti riposi sugli allori? eh? pensi? eh? be’ a essere sincero…
    non lo so:)

    • chissà come si fa a riposare sugli allori. Il mio è alto e costeggia la rete. Meglio dormire sull’olivo.
      Comunque il difficile non è essere geniale. La difficoltà sta nel mantenerlo e curarlo.

  4. Non ho mai letto ‘A volte ritornano’ e quindi non posso replicare. Amo King – ma non gliel’ho mai detto – ma questo non significa che di lui ami ogni libro. Ce ne sono alcuni che ho iniziato e accantonato. Credo ancora, però, che sia un grande scrittore: quando si hanno all’attivo 40/50 ciambelle è possibile che alcune sappiano di bruciato e altre siano informi.
    Ti consiglierei ‘Dolores Claiborne’, uno dei miei favoriti. Prendilo in biblioteca. Io faccio sempre così, se non conosco bene l’autore e temo non mi garbi. Ciò detto, vado a curiosare da Franz o Rick 😉

    • “Amo King – ma non gliel’ho mai detto”
      E cosa aspetti! 🙂

      Sì, forse ho iniziato con il libro sbagliato, come succede ogni tanto. Proverò quello che mi consigli.

  5. Uh! guarda una volta c’ho provato a dormire sugli allori, ma è durato poco perché è arrivato uno stormo di cornacchie che volevano farsi il nido proprio dove stavo io e in nessun altro posto…
    È proprio vero il difficile è mantenerlo:)
    Grazie Claudiappì ricambiato con molto piacere:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...